catechismo

Inizia il catechismo con la messa del 24 ottobre

Bambini e bambine con le loro famiglie sono invitati alla messa di inizio anno catechistico domenica 24 ottobre alle 15,30.

Il catechismo dell’anno pastorale 2021/2022 comincerà dal mese di novembre in questi giorni e orari. 

  • il primo anno (seconda elementare) martedì alle 17
  • il secondo anno (terza elementare) lunedì alle 17
  • il terzo anno (quarta elementare) mercoledì alle 17

Le Famiglie che hanno scelto il percorso della Catechesi Familiare verranno contattate per iniziare il cammino nel mese di novembre una domenica al mese.

catechismo

Catechismo, iscrizioni per ritardatari

Le famiglie che non hanno ancora iscritto i figli al catechismo potranno ancora farlo a novembre, presentandosi al primo incontro previsto a seconda dell’età. Qui giorni e date.

L’iscrizione sarà possibile solo per le famiglie che risiedono nel territorio parrocchiale.

Accesso con mascherina e distanziamento, nel rispetto dell norme anti Covid.

 

 

Padre Andrea Marchini e padre Ottorino Vanzaghi

Nuovo parroco da ottobre

Dopo nove anni alla guida della comunità padre Ottorino Vanzaghi lascerà Gesù Nazareno a inizio ottobre per diventare parroco di Sant’Andrea apostolo a Roma, dove ricopre anche importanti incarichi nella Congregazione dei Padri Dottrinari.

Padre Ottorino lo ha comunicato durante tutte le messe domenicali annunciando anche il nome del successore, padre Andrea Marchini, oggi parroco a Roma, che fu vice parroco a Gesù Nazareno negli anni ‘90. Sul settimanale della Diocesi di Torino, La Voce e il Tempo, il decreto di nomina dell’arcivescovo mons. Nosiglia sarà pubblicato domenica prossima, 27 giugno.

Durante le messe domenicali padre Ottorino, ringraziando, si è detto certo che il sostegno della comunità parrocchiale che per nove anni ha camminato con lui sarà lo stesso che accompagnerà padre Andrea nel suo nuovo incarico pastorale.

Settembre sarà ancora ricco di appuntamenti pastorali significativi: matrimoni e battesimi, e soprattutto le Cresime di 40 ragazzi della parrocchia: padre Ottorino concluderà il suo servizio a Gesù Nazareno con momenti fondamentali di catechesi, così come ha sempre fatto. Sulla scia di Cesare De Bus, fondatore dei Dottinari.

Padre Rinaldo Battaglio con i confratelli al termine della messa dei 60 anni di ordinazione

Padre Rinaldo Battaglio prete da 60 anni

Sacerdote da sessant’anni: padre Rinaldo Battaglio domenica 11 luglio ha celebrato l’ordinazione presbiterale durante la messa delle 11,30 a Gesù Nazareno in Torino, circondato dall’affetto dei confratelli Dottrinari e dei parrocchiani.

Padre Rinaldo, nato a Vezza d’Alba il 30 maggio 1937, fu ordinato proprio l’11 luglio del 1961, nella cattedrale di Saluzzo.

Padre Rinaldo Battaglio, con genitori, fratelli e sorelle, nel giorno della sua prima messa

Padre Rinaldo Battaglio, con genitori, fratelli e sorelle, nel giorno della sua prima messa

Dopo gli anni di insegnamento a Varallo – durante i quali si laureò in Storia e Filosofia a Torino dopo aver conseguito la licenza in Teologia a Roma – e a Vigevano, nel 1965 arrivò a Gesù Nazareno, dove rimase fino al 1980.

Il parroco di allora, Ottorino Rolando, gli affidò la catechesi, sia di giovani e bambini sia degli adulti, in profondo rinnovamento sulla scia del Concilio Vaticano II. Accolse in parrocchia il gruppo scout Torino 18, ora Agesci Torino 6, e seguì l’ambito della carità e la San Vincenzo in particolare.

Dal 1980 al 1988 è stato parroco a Vigevano, guida per i novizi Dottrinari e poi, fino al 1996, insegnante e preside dell’istituto Negroni, scuola affidata ai Dottrinari nella stessa città. Nel 1996 è rientrato a Gesù Nazareno.

Nell’omelia padre Sergio La Pegna, Superiore generale dei Dottrinari, ha invitato «a ringraziare il Signore fedele e con lui la fedeltà di padre Rinaldo, sacerdote da 60 anni, dei quali 40 trascorsi a Gesù Nazareno» e ricordato di quanto la sua testimonianza di lavoro infaticabile sia stata preziosa per lui durante l’anno di noviziato a Vigevano. «L’annuncio del Vangelo è testimonianza e relazione – ha sottolineato padre La Pegna – e la vita sacerdotale di padre Rinaldo ne è un esempio concreto».

Incessante il suo impegno nella catechesi degli adulti, presenza costante per anziani e malati della parrocchia, confessore accogliente, padre Rinaldo ha dedicato quarant’anni della sua vita alla comunità parrocchiale di Gesù Nazareno, che lo ha ringraziato «per aver accolto chiunque entrasse in chiesa con il sorriso», riassumendo la gratitudine per il servizio sacerdotale nel quartiere Cit Turin con tre parole: «Ti vogliamo bene».

 

Alessandro Delpiano

Messa in ricordo di Alessandro Delpiano

Venerdì 27 agosto alle 18 messa in ricordo di Alessandro Delpiano, tornato alla Casa del Padre il 29 agosto di due anni fa.

Cresciuto nella comunità di Gesù Nazareno, all’interno del Movimento Eucaristico Giovanile (MEG) Alessandro ha costruito il suo ricco cammino di fede.

Negli ultimi anni ha speso se stesso nel servizio, con amore e passione, in settori diversi: è stato il responsabile dell’Oratorio e ha organizzato e gestito l’Estate Ragazzi parrocchiale.

 

dsc_0078

Gruppi giovanili, finalmente al campo

Dopo quasi due anni di difficoltà e impedimenti dovuti all’emergenza sanitaria finalmente i ragazzi e le ragazze dei gruppi giovanili sono ai campi estivi.

Il MEG (Movimento Eucaristico Giovanile) è con C14  ed Emmaus a Sant’Anna di Valdieri, mentre i Ragazzi Nuovi sonoo nella casa di ospitalità Emanuele Mondino, sulle colline di Verbania a picco sul lago Maggiore: tutti dal 24 al 31 luglio.

Campo Base e Quota 1 (dalla quinta elementare al secondo anno delle superiori) del Gruppo Uno sono in Valle d’Aosta dal 19 al 28 luglio, mentre i più grandi di Quota 1 si cimentano sul Monviso dal 26 al 30 luglio.

I piccoli dell’Agesci Torino 6 dei branchi Kanhiwara e Waingunga sono rispettivamente dal 25 luglio al 1° agosto a Celle Macra e dal 18 al 25 luglio a Salbertrand.

I reparti Adhara e Atacama sono dal 23 luglio al 1° agosto a Preit, Sant’Anna di Valdieri; stesso luogo per i reparti Rosa dei venti e Aldebaran, ma dal 24 al 2 agosto.

Infine i due clan/fuoco, entrambi dal 3 al 10 agosto: Rigel Vega lungo la Via degli Dei, tra Bologna e Firenze, e Higer Wolf lungo la Via n. 1 in Valle d’Aosta.

I campi estivi sono momento fondamentale per la formazione dei ragazzi e delle ragazze: occasione di confronto, di conoscenza reciproca, di incontri, esperienze per misurarsi con se stessi, possibilità di approfondimento, meditazione e preghiera. Un cammino di crescita intenso, concentrato in una settimana o in una decade.

5-x-1000

5 x 1000, fai una firma per chi ha bisogno

Una firma per le onlus della parrocchia non costa nulla, ma regala molto a tanti.

Ricordatevi di mettere la firma nell’apposito modulo della dichiarazione dei redditi, nel riquadro relativo a:

5xk-a4

Nella parrocchia di Gesù Nazareno sono attive:

Associazione Jarom OnLus C.F. 97772510018

Associazione Yatra OnLus C.F. 97667750018

Associazione Mosaico O.D.V C.F. 97637330016

Punto della Gioia OnLus C.F. 97672860018

Padri Dottrinari C.F. 02623520588

Fondazione Il Riparo OnLus  C.F. 97691640011

Jarom e Yatra sostengono la missione dei Padri Dottrinari in India, il Mosaico garantisce sostegno scolastico a quasi cento ragazzi, il Punto della Gioia promuove attività comuni a ragazzi diversamente abili e normodotati, Il Riparo gestisce con la Caritas diocesana alloggi che a rotazione vengono messi a disposizione di famiglie in difficoltà abitativa.

Ai Padri Dottrinari è affidata la nostra parrocchia.

In sede di dichiarazione non dimenticate di firmare anche la scelta dell’8 x mille alla Chiesa Cattolica.

estate

Il Covid blocca Estate Ragazzi

Niente Estate Ragazzi in parrocchia quest’anno a causa dell’emergenza Covid.

Purtroppo non è possibile ospitare bambini e bambine per quattro settimane – come avveniva negli anni scorsi – tra giugno e luglio nei locali dell’oratorio garantendo tutte le indispensabili misure di sicurezza e di prevenzione.

Ancora un sacrificio, speriamo l’ultimo visto il successo della campagna di vaccinazione, per sconfiggere una pandemia che ha portato molto dolore nella nostra comunità.