Padre Andrea Marchini e padre Ottorino Vanzaghi in piazza San Carlo a Torino

Messa d’ingresso del nuovo parroco

Domenica 10 ottobre alle 11,30 messa d’ingresso del nuovo parroco di Gesù Nazareno padre Andrea Marchini.

Presiederà don Sabino Frigato, vicario del Vescovo di Torino per la vita consacrata.

Padre Ottorino Vanzaghi, in partenza per la parrocchia di Sant’Andrea Apostolo a Roma, si congederà dalla comunità dopo nove anni di servizio pastorale.

Dopo la messa padre Andrea e padre Ottorino saluteranno i parrocchiani con un semplice aperitivo nel cortile dell’oratorio.

Padre Ottorino e padre Andrea invitano a non regalare loro nulla.

Chi lo desiderasse, in segno di accoglienza e gratitudine, potrà sostenere i giovani religiosi dottrinari con un’offerta a sostegno delle case di formazione in Italia, Burundi e India.

Le offerte possono essere fatte sul sito www.dottrinari.org tramite bonifico bancario e Satispay.

presbiterio

Messe, gli orari da settembre

Da domenica 5 settembre le messe festive torneranno ai consueti orari.

Sabato messa prefestiva alle 18.

Domenica messe alle 8,30, 10, 11,30 e 18.

Ricordiamo che sono sempre in atto le regole per contrastare il Covid: ingressi contingentati, obbligo di mascherina e di distanziamento.

yatra_ciotola

Un salario grazie a una Ciotola

L’appuntamento di riflessione, digiuno e preghiera “La ciotola di Riso”, organizzato da Yatra on line in collaborazione con i giovani dell’Agesci Torino 6 e del Meg Torino 7 di Gesù Nazareno lo scorso 26 marzo ha permesso di raccogliere offerte per 2.135 euro.

Il laboratorio di ricamo, taglio e cucito César Silai Centre a Ranchi in India

Il laboratorio di ricamo, taglio e cucito César Silai Centre a Ranchi in India

L’importo sarà utilizzato da Yatra per pagare gli stipendi delle donne che lavorano nella sartoria “Cesar Silai Centre” a Ranchi in India, fondata dai Padri Dottrinari vent’anni fa.

Si può sostenere l’attività della sartoria tutto l’anno acquistando gli abiti direttamente su shop.yatraweb.it, oppure lasciando un’offerta utilizzando i canali di Yatra http://yatraweb.it/collaborare/contributi-economici/ o ancora tramite Satispay https://tag.satispay.com/yatra o con bonifico bancario su conto corrente intestato a Associazione Yatra ONLUS IBAN: IT80K0501801000000016789992

 

Noli me tangere, Tiziano Vecellio, National Gellery, Londra

Il sepolcro vuoto trionfo della vita

La vita è più forte della morte

Un anno, è più di un anno che il nostro umano tentativo di allontanare l’idea stessa della morte si è fatto vano. Siamo immersi nella morte – reclusi e lontani tra noi –, impediti persino di essere vicino ai morenti. Anche se sappiamo che si cammina sempre verso una croce, una tomba, siamo come Maddalena, una di quelle che cercano Gesù Crocifisso (Mt 28,5), piangente perché non sa dove è stato posto il suo Signore (Gv 20,13).

Come Maddalena abbiamo Gesù risorto davanti a noi ma siamo incapaci di vederlo, concentrati solo sul nostro dolore; ma la vita è più forte della morte, sconfitta per sempre dalla Resurrezione del Cristo, il Figlio dell’uomo innalzato sulla croce  “perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna” (Gv 3, 14-15).

La gioia è più grande del dolore

Il dolore, la paura per le cose del mondo, persino dell’irruzione di Dio, vivono in noi. Siamo turbati, come Maria di fronte all’Annunciazione, come i pastori nella notte di Natale; ma l’angelo aggiunge sempre ai protagonisti, e speriamo anche a noi: “Non temere”, “non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia” (Lc 2,10).

Dice il Salmo 2: “Ride colui che sta nei cieli” (v. 4), come accadde quel giorno di Pasqua, quando “Abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli” (Mt 28,8). È Gesù a farsi garante: “Così anche voi, ora, siete nel dolore; ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno potrà togliervi la vostra gioia” (Gv 16, 22).

La luce scalda il cuore più della tenebra

Matthias Grünewald, La Resurrezione, Altare di Isenheim, Musée d’Unterlinden, Colmar, Francia

Matthias Grünewald, La Resurrezione, Altare di Isenheim, Musée d’Unterlinden, Colmar, Francia

I grandi pittori da secoli manifestano la presenza di Dio con la luce e così è fin dall’inizio della storia della Salvezza quando “Dio vide che la luce era cosa buona e Dio separò la luce dalle tenebre” (Gen1, 4) e il salmista canta “Signoretu dai luce alla mia lampada” (Salmo 18, 29).

Forse, giovane ragazzo o ragazza, anche tu hai vissuto il tremito sottile nelle tenebre, accanto agli amici, in un bosco improvvisamente ostile e stranamente rumoroso; l’accendersi di una torcia e le prime scintille che annunciavano il crepitare del fuoco, rompevano d’incanto il buio, i volti dei fratelli e delle sorelle tornavano subito visibili, il canto usciva liberatorio dalle gole. Simile è l’esperienza del cristiano “perché hai liberato la mia vita dalla morte, i miei piedi dalla caduta, per camminare davanti a Dio nella luce dei viventi” (Salmo 56, 14).

Gesù ci rassicura “Io sono venuto nel mondo come luce, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre” (Gv 12, 46) e allo stesso tempo ci sprona: “Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli” (Mt 5, 16).

Siamo chiamati alla luce, come la Chiesa tramite gli apostoli da sempre ci ricorda: “Voi invece siete stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione santa, popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere ammirevoli di lui, che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua luce meravigliosa (1 Pietro 2, 9); “Ma se camminiamo nella luce, come egli è nella luce, siamo in comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù, il Figlio suo, ci purifica da ogni peccato” (1 Giovanni 1, 7).

La Pasqua di Cristo continua con noi, per noi, in noi

Gli apostoli in cammino verso Emmaus dopo la crocifissione avevano sperato in Gesù e ora non lo vedevano più. Non sapevano cosa sarebbe successo alla loro comunità e si erano allontanati. In fondo avevano capito che senza di Lui nessuna comunità è possibile.

Lungo la strada incontrano un viandante, non lo riconoscono ma lo ospitano; spezzano con lui il pane e capiscono; immediatamente tornano sui propri passi, la via è di nuovo illuminata.

Chi ama Gesù sa di essere Figlio prediletto del Padre, di camminare nella luce perché i suoi peccati sono perdonati, di non essere solo, anche se abbandonato.

Cristo è risorto, oggi, in mezzo a noi e così è ogni giorno. Buona Pasqua.

 

Padre Ottorino, parroco in Gesù Nazareno, con i Padri Dottrinari

La creazione di Adamo. Michelangelo Buonarroti, Cappella Sistina, Roma

Dio è con noi, buon Natale

Emmanuele, Dio è con noi; la profezia di Isaia (7, 14-17), che Matteo pone all’inizio del suo Vangelo (1, 23), apre le nostre menti e i nostri cuori feriti dal virus che ci ha portato morte e sottratto segni di umanità.

Privi di vicinanza, contatto fisico, amore –percettibile in carezze e sorrisi, in ascolto e comprensione – ci sentiamo sperduti, come Dante in una selva oscura.

Il Bambino che nasce è il segno, l’Emmanuele che Maria prima tra gli umani ha il coraggio di ospitare, il Re che fa intraprendere un lungo viaggio a tre sapienti desiderosi di adorare il Dio incarnato (Mt. 2, 1-2).

Ecco, in questo strano Natale non siamo soli. Dio è con noi: diciamolo a quanti incontriamo, così come nella notte di Pasqua annunciamo “è risorto”.

Non abbiamo paura di manifestare il bene che vogliamo a fratelli e sorelle che camminano al nostro fianco: Emmanuele, Dio è con noi, sempre.

Buon Natale

padre Ottorino con i padri Dottrinari

logo-il-mosaico-lungo

Vota Il Mosaico su Il Mio Dono

Il Mio Dono è la piazza virtuale di Unicredit per sostenere le Organizzazioni Non Profit.

IlMioDono.it ti offre la possibilità di:

  • trovare le Organizzazioni che presentano le loro iniziative;
  • scegliere di donare online, ad uno o più progetti, in modo semplice e con la sicurezza garantita da UniCredit;
  • trovare le informazioni per donare, senza commissioni, presso le Filiali UniCredit;

Il Mosaico, l’associazione che offre sostegno scolastico a bambini/e e ragazzi/e a rischio abbandono o in difficoltà con il percorso di studi, ha aderito all’iniziativa di Unicredit, che mette a disposizione 200.000 euro per le organizzazioni del Terzo settore. I soldi verranno ripartiti ripartiti tra le Organizzazioni che avranno ricevuto il maggior numero di preferenze e avranno soddisfatto tutti i requisiti di partecipazione all’iniziativa.

Fino al 31 gennaio 2021 puoi dare il tuo voto per Il Mosaico: sono necessari almeno 150 punti e 5 Donazioni Plus (ciascuna da 10€).

Votare è semplice:

  1. Collegati al sito Il Mio Dono
  2. Seleziona Il Mosaico Torino
  3. Clicca “VOTA QUESTA ORGANIZZAZIONE”
  4. Clicca “VOTA via MAIL o TWITTER”, confermando “esprimo il consenso” e compilando tutti i campi
  5. Per confermare il voto clicca il link all’interno della mail ricevuta
  6. Se dopo aver espresso la tua preferenza doni almeno 10€ (Donazione Plus) il tuo voto si moltiplica e raggiunge un valore di 6 punti.
Via Goffredo Casalis angolo via Duchessa Jolanda 27 dopo il bombardamento nella notte tra il 20 e il 21 novembre 1942 su Torino (Archivio Storico Città di Torino)

La preghiera; e non saremo soli

Intimoriti, preoccupati, sconcertati, malati, affranti. Non ci bastano gli aggettivi per descrivere l’esperienza che stiamo vivendo, spaventati dal cambiamento imposto da un virus.

Via Duchessa Jolanda 28 dopo il bombardamento nella notte tra il 20 e il 21 novembre 1942 su Torino (Archivio Storico Città di Torino)

Via Duchessa Jolanda 28 dopo il bombardamento nella notte tra il 20 e il 21 novembre 1942 su Torino (Archivio Storico Città di Torino)

Chissà come celebrarono la festa di Cristo Re i fratelli e le sorelle che ci hanno preceduto in questo quartiere, nel territorio di questa nostra parrocchia di Gesù Nazareno negli anni tra il 1918 e il 1920, usciti da una guerra mondiale e alle prese con la spagnola; oppure tra il 1940 e il 1945, dapprima sotto le bombe anglo-americane, poi con l’occupazione nazi-fascista, gli orrori e le devastazioni di un conflitto terribile.

Qualcuno tra noi avrà raccolto le testimonianze di genitori e nonni: forse in quelle antiche parole trova conforto nella solitudine odierna.

Oggi celebriamo Cristo Re senza le bandiere in chiesa, i giochi dei bambini e dei ragazzi nel cortile, gli abbracci tra amici sul sagrato. Oggi è difficile anche condividere, dare da mangiare all’affamato, da bere all’assetato, accogliere lo straniero, rivestire l’ignudo, visitare il malato e il carcerato.

Eppure, pur nello sgomento, siamo certi che il Pastore, il Re, è con noi, ci conduce in un luogo sicuro, la morte è annientata, Dio è tutto, in tutti.

Oggi, allora, quando sentiremo suonare le campane della nostra chiesa, fermiamoci e riuniamoci in preghiera. Non saremo più soli.

padre Ottorino Vanzaghi, parroco di Gesù Nazareno

Domenica 22 novembre 2020, Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo.

presbiterio

Messe, dal 6 settembre nuovo orario delle messe, anche on line

Da domenica 6 settembre le messe domenicali saranno alle 8,30, 10, 11,30 e 18 e si manterranno tutte la precauzioni imposte all’emergenza sanitaria, con ingressi contingentati e uso obbligatorio della mascherina.

La messa delle 11,30 sarà trasmessa in diretta sul sito per consentire una più ampia partecipazione alla comunità parrocchiale, in particolare dei gruppi giovanili e delle famiglie.

restauro_debus_oriz

In restauro il quadro di padre Cesare De Bus

Maquillage per il quadro raffigurante padre Cesare De Bus, nella prima cappella a destra della chiesa di Gesù Nazareno.

restauro_debusLa restauratrice, nonché parrocchiana, Alessandra Vione riporterà all’antico splendore sia la cornice in oro zecchino sia la pirografia che raffigura il fondatore dei                  padri Dottrinari, che sarà canonizzato nei prossimi mesi dal Papa.

Per contribuire a sostenere i costi del restauro potete donare sia tramite Satispay sia con bonifico alla parrocchia.